Materiale MIM

Ecco la buona introduzione sul MIM (stampaggio a iniezione di metalli)

Esistono diversi materiali che possono essere utilizzati per il processo MIM (Metal Injection Molding), alcuni dei materiali più comunemente utilizzati includono:

  • Acciaio inossidabile: Questa è una scelta di materiale popolare per MIM grazie alla sua eccellente resistenza alla corrosione e robustezza.
  • Titanio: Questo materiale ad alta resistenza viene spesso utilizzato nelle applicazioni aerospaziali e mediche.
  • Cobalto-cromo: questa lega metallica ha un'eccellente resistenza all'usura e alla corrosione, che la rende ideale per l'uso in impianti ortopedici.
  • Inconel: questa lega a base di nichel è nota per la sua resistenza alle alte temperature e alla corrosione, il che la rende ideale per l'uso in applicazioni aerospaziali e con turbine a gas.
  • Rame: Questo materiale ha un'eccellente conduttività elettrica e termica, il che lo rende una scelta popolare per i componenti elettronici.
  • Tungsteno: Questo metallo ad alta densità viene spesso utilizzato nei pesi e nei contrappesi, nonché per la schermatura dalle radiazioni.
  • Alluminio: questo metallo leggero viene spesso utilizzato nelle applicazioni automobilistiche e aerospaziali.
  • Magnesio: questo metallo leggero è noto per il suo elevato rapporto resistenza/peso, che lo rende ideale per l'uso in applicazioni aerospaziali e automobilistiche.
  • Nichel, Ni free: Questo materiale viene spesso utilizzato per la sua resistenza alle alte temperature e alla corrosione, nonché per le sue proprietà magnetiche.
  • Zirconio: questo materiale è noto per la sua eccellente resistenza alla corrosione e biocompatibilità, che lo rende ideale per l'uso in impianti medici.

principali applicazioni

Il MIM può essere utilizzato per produrre varie parti metalliche complesse per applicazioni come armi da fuoco, dispositivi medici, aerospaziale, automobilistico, elettronico, beni di consumo, gioielli e attrezzature militari.

Leghe a base di Fe

Fe-2Ni, Fe-8Ni

Più utilizzato in Automobile, Tool

Acciaio inossidabile

304, 316L, 17-4PH, 420, 440C

Componenti medicali e di orologeria, Consumer l'industria elettronica

Lega dura

WC-Co

Cutter, orologeria e orologio

Ceramica

Al2O3, ZrO2, SiO2

IT elettronico, quotidiano necessario,Gioielli

Lega pesante

W-Ni-Fe, W-Ni-Cu, W-Cu

Industria militare, parti di comunicazione

Lega di titanio

Ti, Ti-6Al-4V

Parti mediche e militari e marittime

Materiale magnetico

Fe, Fe50Ni, Fe-Si

Componenti magnetici, soft magnetic

Acciaio per utensili

42CrMo4, M2

Strumenti

Conduzione termica, conduzione elettrica

Proprietà del materiale MIM

Materiali

Densità

Durezza

Resistenza alla trazione

Allungamento

g/cm 3

Rockwell

MPa

%

Leghe a base di Fe

MIM-2200 (sinterizzato)

7.60

45HRB

290

40

MIM-2700 (sinterizzato)

7.60

69HRB

440

26

MIM-4605 (sinterizzato)

7.60

62HRB

415

15

MIM-4605 (quench/rinvenimento)

7.60

48HRC

1655

2

Acciaio inossidabile

MIM – 316L (sinterizzato)

7.85

67HRB

520

50

MIM-17-4PH (sinterizzato)

7.5

27HRC

900

6

MIM- 17-4PH (trattato termicamente)

7.5

40HRC

1185

6

MIM – 440C (sinterizzato)

7.5

65HRB

415

25

Lega di tungsteno

95% W-Ni-Fe

18.1

30

960

25

97% W-Ni-Fe

18.5

33

940

15

Ceramica fine

Al2O3

3.9

HRA92

160

-

ZrO2

6.0

HV1250

-

-

Acciaio inossidabile

Acciaio debolmente legato è anche noto come acciaio legato a base di Fe, caratterizzato da elevata durezza e resistenza.
Proprietà del materiale MIM

Densità del materiale MIM

Proprietà meccaniche

La caratteristica della trazione è quasi la stessa di cnc o fusione o altro processo.

Resistenza alla corrosione

Perché il cromo si degrada durante il processo di sinterizzazione. Potremmo utilizzare il giusto trattamento post-sinterizzazione e superficiale per ottenere una migliore resistenza alla corrosione.

Biocompatibilità

Sempre più industriali necessitano di biocompatibilità, come dispositivi medici e dentali, raccomandiamo la post-sinterizzazione e il trattamento chimico elettrico per coprire il mim parti per la biocompatibilità.

FAQ

Materiale MIM

Il materiale MIM viene creato utilizzando una varietà di metalli tra cui acciaio inossidabile, titanio e leghe magnetiche. Il nostro materiale offre alta precisione, accuratezza e coerenza quando si tratta di creare piccoli parti metalliche. È un'opzione eccellente per coloro che cercano una qualità superiore senza scendere a compromessi sui costi.
MI M (Stampaggio ad iniezione di metalli) e PIM (Powder Injection Moulding) sono tecniche avanzate di fabbricazione dei metalli che consentono la produzione di parti complesse e intricate con elevata precisione e ripetibilità. Il MIM viene spesso utilizzato per produrre componenti metallici piccoli e complessi con tolleranze ristrette e un elevato grado di uniformità. Inoltre, i processi MIM possono essere utilizzati per ottenere texture e finiture dettagliate su superfici sia interne che esterne.
Parti MIM hanno una densità fino al 95%, il che significa che il materiale è estremamente denso e duro. L'alta densità lo rende un materiale ideale per creare con precisione parti piccole e complesse. Ha anche un'eccellente finitura superficiale con operazioni di finitura minime.

Il processo MIM, noto anche come stampaggio ad iniezione di metalli, è una tecnica di produzione utilizzata per produrre parti metalliche complesse con elevata precisione e forme complesse. Unisce i vantaggi della plastica stampaggio a iniezione e metallurgia delle polveri per creare componenti near-net-shape.

Ecco una panoramica passo passo semplificata del processo MIM:

1. Preparazione della materia prima: polveri metalliche fini, in genere di dimensioni inferiori a 20 micron, vengono miscelate con un materiale legante. Il legante aiuta a tenere insieme le particelle di polvere metallica e consente loro di essere iniettate nello stampo.

2. Stampaggio a iniezione: La materia prima, ora sotto forma di materiale pastoso, viene iniettata nella cavità dello stampo utilizzando una macchina specializzata per lo stampaggio a iniezione. Lo stampo è tipicamente in acciaio e ha la forma desiderata della parte finale.

3. Deceraggio: dopo che il componente è stato stampato, viene sottoposto a un processo di deceraggio per rimuovere il materiale legante. Questo può essere fatto attraverso un metodo di deceraggio a base di solvente o termico, in cui il legante viene rimosso selettivamente lasciando intatta la polvere metallica.

4. Sinterizzazione: il componente debound viene quindi sottoposto a un processo di sinterizzazione. In questa fase, il componente viene riscaldato in atmosfera controllata ad una temperatura appena al di sotto del suo punto di fusione. Il calore fa sì che le particelle metalliche si fondano insieme, risultando in una parte metallica completamente densa e solida.

5. Post-elaborazione: dopo la sinterizzazione, è possibile eseguire ulteriori fasi di post-elaborazione per ottenere finiture superficiali specifiche, migliorare la precisione dimensionale o aggiungere ulteriori trattamenti come il trattamento termico o il rivestimento.

Il processo MIM offre numerosi vantaggi, tra cui la capacità di produrre parti complesse di forma quasi netta con elevata precisione dimensionale, eccellente finitura superficiale e una gamma di opzioni di materiali come acciaio inossidabile, titanio e cromo-cobalto. È ampiamente utilizzato in vari settori, tra cui quello automobilistico, medico, aerospaziale, elettronico e dei beni di consumo.

MI M (La densità delle parti per stampaggio a iniezione di metalli) si riferisce alla massa per unità di volume di un componente prodotto attraverso il processo di stampaggio a iniezione di metalli. Rappresenta la quantità di materiale che è presente in un volume specifico della parte finale.

La densità delle parti MIM può variare a seconda di diversi fattori, tra cui il materiale utilizzato, i parametri di processo e il design della parte stessa. Generalmente, le parti MIM hanno densità elevate che vanno dal 95% al ​​99% della densità teorica del materiale utilizzato.

Arrivare in alto la densità delle parti è fondamentale nel MIM perché influisce direttamente sulle proprietà meccaniche e sulle prestazioni del componente finale. Una maggiore densità si traduce in genere in una migliore resistenza, durezza e altre proprietà meccaniche. Questo perché una parte più densa ha meno vuoti o difetti all'interno della sua struttura, portando a una migliore integrità complessiva.

I produttori usano vari tecniche e strategie di ottimizzazione durante il MIM processo per ottenere un'elevata densità dei pezzi. Questi possono includere il controllo accurato della formulazione della materia prima, il perfezionamento dei parametri di stampaggio a iniezione, l'ottimizzazione delle fasi di deceraggio e sinterizzazione e l'implementazione di misure di controllo della qualità per garantire una densità costante delle parti.

In sintesi, la densità delle parti MIM si riferisce alla massa per unità di volume di un componente fabbricato utilizzando stampaggio ad iniezione di metalli e svolge un ruolo fondamentale nel determinare le proprietà meccaniche e le prestazioni del prodotto finale.

La sinterizzazione è una fase critica nel processo di stampaggio a iniezione di metalli (MIM), in cui le parti verdi sagomate sono sottoposte ad alte temperature per unire le particelle di metallo e ottenere la densità e le proprietà meccaniche desiderate.

Durante il processo di sinterizzazione, le parti verdi vengono poste in un forno e riscaldate ad una temperatura inferiore al punto di fusione del metallo utilizzato nel processo MIM. La temperatura e il tempo esatti dipendono dal materiale specifico da lavorare.

All'aumentare della temperatura, durante la sinterizzazione si verificano diversi fenomeni chiave:

1. Densificazione: all'aumentare della temperatura, le particelle metalliche iniziano a diffondersi ed entrano in contatto tra loro. Questa diffusione consente la rimozione di vuoti e la saldatura di particelle adiacenti, con conseguente densificazione della parte.

2. Formazione del collo: la sinterizzazione favorisce la formazione di "colli" tra le particelle metalliche. Questi colli sono piccole regioni in cui le particelle adiacenti sono legate insieme, formando una struttura solida continua.

3. Ritiro: Durante la sinterizzazione, le parti verdi subiscono un restringimento dovuto alla rimozione dei materiali leganti e al riarrangiamento delle particelle metalliche. L'entità del ritiro dipende dalla formulazione del materiale e dalle condizioni di sinterizzazione.

4. Crescita del grano: La crescita del grano si verifica quando le particelle metalliche aumentano di dimensioni durante la sinterizzazione. Ciò può influenzare la microstruttura finale e le proprietà meccaniche della parte.

Il processo di sinterizzazione richiede un attento controllo della temperatura, del tempo e dell'atmosfera per ottimizzare la densificazione riducendo al minimo deformazioni, distorsioni e difetti. Tipicamente, vengono utilizzate atmosfere protettive come azoto o idrogeno per prevenire l'ossidazione e mantenere l'integrità del metallo.

Dopo la sinterizzazione, è possibile eseguire ulteriori fasi di post-elaborazione come il trattamento termico, la lavorazione e la finitura superficiale per migliorare le proprietà finali e l'estetica delle parti MIM.

In sintesi, la sinterizzazione in MIM è il processo di riscaldamento delle parti verdi a una temperatura inferiore al punto di fusione del metallo, consentendo il legame e la densificazione delle particelle metalliche per formare il componente solido finale.

La principale differenza tra fusione e stampaggio a iniezione di metalli (MIM) risiede nei processi di produzione e nelle proprietà dei prodotti finali. Ecco le principali distinzioni:

1. Processo: la colata consiste nel versare il metallo fuso in uno stampo, lasciandolo solidificare e quindi rimuovendo lo stampo per ottenere il prodotto finale. MIM, d'altra parte, utilizza un processo di metallurgia delle polveri in cui una miscela di polveri metalliche fini e leganti viene iniettata in uno stampo. Il pezzo stampato viene quindi sottoposto ad un processo di deceraggio e sinterizzazione per rimuovere i leganti e consolidare le polveri metalliche.

2. Complessità: il MIM è generalmente più adatto a geometrie complesse e forme intricate rispetto alla fusione. Il processo di stampaggio a iniezione consente la produzione di parti con dettagli fini, pareti sottili e caratteristiche complesse, che possono essere difficili da ottenere con i tradizionali metodi di fusione.

3. Varietà di materiali: la fusione può ospitare un'ampia gamma di materiali, inclusi vari metalli e leghe, mentre Il MIM viene utilizzato principalmente per parti più piccole realizzate con materiali come l'acciaio inossidabile, acciaio bassolegato e altri materiali correlati. MIM offre un materiale limitato selezione rispetto al casting.

4. Proprietà meccaniche: le parti MIM generalmente presentano una densità maggiore e migliori proprietà meccaniche rispetto alle parti fuse. Il processo di sinterizzazione in MIM consente di ottenere densità elevate delle parti, con conseguente miglioramento della resistenza, della durezza e della precisione dimensionale. Le parti fuse possono avere una densità inferiore e presentare difetti intrinseci, come porosità o ritiro, che possono influire sulle loro prestazioni meccaniche.

5. Costo: per cicli di produzione su larga scala, MIM può offrire vantaggi in termini di costi sovrafusione grazie alla sua capacità di produrre parti a forma di rete con minor spreco di materiale. Tuttavia, per parti più semplici e più grandi o per la produzione di piccoli volumi, la fusione può essere un'opzione più conveniente.

In definitiva, la scelta tra fusione e MIM dipende da vari fattori, tra cui la complessità del pezzo, i requisiti del materiale, le proprietà desiderate e il volume di produzione. Ogni metodo ha i suoi punti di forza e i suoi limiti e la selezione del processo di produzione appropriato dipende dalle esigenze specifiche dell'applicazione.

Scorrere fino a Top